Training assertivo


 
   

“Esistono tre possibili approcci nella conduzione dei rapporti interpersonali. Nel primo, si pensa solo a se stessi e si trattano gli altri in modo scorretto (…). Il secondo (…) consiste nel mettere sempre gli altri prima di se stessi (…). Il terzo approccio Ŕ la scelta giusta (…) la persona mette se stessa prima di tutto il resto ma tiene conto degli altri.”


- Joseph Wolpe -

 

Vi sono persone che riescono a mediare tra i propri bisogni e quelli degli altri senza difficoltÓ, mostrando grande sensibilitÓ, comprensione e fermezza.

Altre invece, difficilmente riescono ad affermare le proprie idee o a esprimere le proprie emozioni. Per queste persone il timore di poter fare una brutta figura o di essere giudicate negativamente Ŕ tale da costringerle a condurre la propria vita in funzione degli altri, agendo contro la propria volontÓ nel tentativo di soddisfare e non deludere mai le aspettative degli altri.

Quando si giunge a costanti compromessi con sÚ stessi per compiacere le altre persone si finisce con il maturare sentimenti di auto svalutazione e insoddisfazione.  Non riuscire ad affermare se stessi, ad esprimere con convinzione il proprio punto di vista e soddisfare continuamente le richieste degli altri pu˛ essere causa di stress, ansia e frustrazione.

L’assertivitÓ Ŕ la capacitÓ di relazionarsi con gli altri in modo adeguato, senza ansia o paura, nel pieno rispetto di sÚ e degli altri.

Il comportamento assertivo permette di far valere i propri diritti, esprimere la propria opinione e le proprie emozioni in modo chiaro, realizzando i propri obiettivi e alimentando la propria autostima. In questa ottica l’assertivitÓ assume le caratteristiche di una competenza sociale finalizzata a un migliore adattamento sociale dell’individuo, alimentando la sua autostima e il proprio senso di efficacia. 

Il training assertivo promuove lo sviluppo di abilitÓ sociali pi¨ efficaci, volte al superamento di atteggiamenti rinunciatari o aggressivi. Lo sviluppo di un comportamento assertivo permette di esprimere una critica in modo costruttivo, di formulare richieste e di insistere senza essere aggressivo, di dire no alle richieste degli altri senza sentirsi in obbligo e provare sensi di colpa ingiustificati, di esprimere la propria opinione anche se in disaccordo con quella delle altre persone e di difendersi dalla critiche.

 

Riferimenti bibliografici  

Alberti L., Dinetto A. (1988). Manuale di addestramento affermativo, Bolzoni Editore, Roma.

Alberti R., Emmons M., (1999). Ne hai il diritto, Calderini Editore, Bologna.                                

Giusti E., Testi A. (2006). L’autoefficacia - vincere quasi sempre con le 3 A, Sovera Edizioni, Roma.

Giannantonio M., Boldorini  A. L., (2005). Autostima assertivitÓ ed atteggiamento positivo. I fondamenti e la pratica della crescita personale, Ecomind, Firenze.

Nanetti F., (2005).  AssertivitÓ. Manuale di formazione integrata alla comunicazione efficace, Pendragon,  Bologna.  

 

 

NEWS

PARLIAMO DI ...

ANSIA

Questo mese Ŕ dedicato al tema dell'ansia. Che cosa Ŕ l'ansia? Come si manifesta? E quando diventa un problema?

Uno psicologo esperto risponderÓ alle vostre domande.

ALTRE RISORSE
Link utili
Statuto